Venerdì 28 Luglio 2017 18:42

Sistema Musei
di Valle Camonica
Sistema Bibliotecario
di Valle Camonica
Archivi
di Valle Camonica
Maraéa
Memory Talk
Infanzia della tecnica
aperto_20--Casa degli ArtistiArte un ponte tra culture
Il territorio diventa brandA ciascuno il suo passoConvegno 2012
La Valle dei Segni
Patrimonico culturale e naturalisticoPercorsi Turistici
Carlo Magno nel cuore delle alpi
Scuola dell'andare
Uffici TuristiciInfoscuola - Viaggi d'IstruzioneGuide multilingueSculture d'Artificio
Officina ProgettoEXPO2015Incubatore d'ImpresaOsservatorio cultura e turismoSegno Artigiano Ed. 2012Segno Artigiano Ed. 2013
Associazioni culturaliComunità degli artistiDel bene del belloLungo i crinali (POR)Palazzo della CulturaIN MEMORIA DEL CONFLITTO
Carlo Emilio Gadda
IN MEMORIA DEL CONFLITTO
Lettere dal fronte
AREA STAMPA
Comunicati stampa
IMPRONTE DIGITALIMULTIMEDIA LANDTAM TAM onlineTAM TAM, si gira...PHOTOGALLERYVIDEOGALLERY

Il territorio diventa "brand"

Valle Camonica la valle dei segni

La Valle dei Segni

Le strategie di comunicazione sono fondamentali nel processo di sviluppo turistico di un territorio. Per questo motivo il Distretto Culturale di Valle Camonica ha promosso l'ideazione di un nuovo marchio ed uno slogan per rappresentare l'identità della valle: un marchio riconoscibile, unico, che permetterà al territorio camuno di connotare la propria offerta turistica per il mercato italiano ed estero.

L'incarico di elaborare il marchio "camuno" è stato affidato allo studio milanese Magut Design, l'agenzia di comunicazione guidata da Lodovico Gualzetti ed autrice del logo del Distretto. Ed è lo stesso Gualzetti ad ammettere che, partendo proprio da quel “sasso inciso” il lavoro del suo team è stato quello di coniugare un’immagine preesistente ai termini della comunicazione turistica, lavorando sull'integrazione dell’immagine con un testo, costruendo sulla parola “Valle Camonica” le stesse tipologie formali della pietra incisa e realizzando una trama di segni sul carattere. Mantenendo l'idea grafica è stato così possibile personalizzare l’indicazione locale, dando origine ad un logotipo che pure conserva una sua originalità e riconoscibilità.

Le riflessioni che hanno portato alla realizzazione del brand camuno, come si evince dalle parole di Gualzetti, sono sempre state rivolte al passato. Già con la prima campagna di comunicazione, quella realizzata nelle stazioni con Ferrovie Nord, il “sasso inciso” era già diventato un segno legato al territorio, già che connotava una comunicazione turistica, associandosi di volta in volta alle ricchezze del territorio come gli affreschi del Romanino, i mosaici di Cividate, le incisioni rupestri. Già in questi esempi il semplice segno era proiettato verso l’ambito turistico e promozionale. Ora il nuovo marchio si è ulteriormente rafforzato, grazie al payoff “La valle dei segni”, che evoca in modo universale il patrimonio delle incisioni rupestri.

Il marchio denota il carattere di una valle rocciosa che è stata capace di trasformare questa pietra per farne abitazioni, strumenti di lavoro, arte, questo fa la differenza. La pietra incisa dai camuni è un lavoro artistico, l’arte è un linguaggio universale, che sta al di sopra di tutte le attività. Il Distretto Culturale, nel corso di questi anni, ha dimostrato che la cultura può essere il traino economico di un territorio. Fare economia oggi vuol dire promuovere il turismo, il bene culturale, il paesaggio e la Valle Camonica ha tante eccellenze, chiese, monumenti, incisioni, artisti. Il Distretto Culturale lascerà in eredità uno staff, conoscenze acquisite, percorsi di formazione e la consapevolezza e la vocazione di una nuova apertura verso il turismo oltre ad un marchio che, nella semplicità di una pietra incisa, evoca i segni che connotano un territorio unico.

Segnala a delicious Segnala a facebook Segnala a Google Segnala a twitter