ATTENZIONE!!!
Il nuovo DPCM comunicato nella serata di domenica 18 ottobre rende di difficile esecuzione la programmazione e organizzazione della nuova tappa del progetto La Memoria delle Pietre, poiché avrebbe previsto la fondamentale presenza delle scuole nel giorno dell’inaugurazione di Frammenti di Luna ad Angolo Terme, al fine di raccontare il percorso portato avanti insieme (la gita in cava con il geologo Fabio Alberti e i laboratori in classe con le quarte e le quinte elementari e la prima media).

Il progetto quindi, si ferma temporaneamente, ma tornerà sicuramente a farsi sentire nel 2021: non solo con il Comune di Angolo Terme, ma anche con quelli di Darfo Boario Terme, Capo di Ponte e Bienno, che saranno i prossimi protagonisti delle tappe de La Memoria delle Pietre.

INAUGURAZIONE OTTAVA INSTALLAZIONE ARTISTICA de LA MEMORIA DELLE PIETRE

Dopo la recente inaugurazione dell’installazione artistica a Ono San Pietro, datata 3 ottobre 2020, che ha seguito il percorso tracciato nei comuni di Vezza d’Oglio, Braone (Autunno 2018), Cerveno e Vione (Primavera 2019), Cevo e Lozio (Autunno 2019), il progetto LA MEMORIA DELLE PIETRE prosegue il suo viaggio nel ​Comune di Angolo Terme (BS)​, dove sabato ​24 ottobre 2020 alle ore 10.30 presso la frazione di Mazzunno, si terrà l’inaugurazione dell’​ottava installazione artistica​.

L’installazione artistica, sempre di carattere permanente, realizzata dagli artisti Milena Berta e Alessandro Pedretti, chiude il ciclo dei quattro ​“Frammenti di Luna”, opere realizzate con la stessa tipologia di pietra, ovvero il calcare e va ad aggiungersi al percorso di valorizzazione delle pietre camune.

Il protagonista di questa nuova tappa del progetto “La memoria delle pietre” è il calcare occhiadino di Angolo Terme che ha la particolare caratteristica, una volta levigato e lucidato, di portare alla luce un meraviglioso disegno arabescato.

L’installazione è composta da due sculture e una musica.
Come di consueto nella serie dei “Frammenti di Luna”, le forme geometriche delle sculture affiorano dai blocchi grezzi provenienti dalla cava dismessa di Angolo Terme.
Verranno posizionate in modo che esse possano guardarsi trovando similitudine con la
musica palindroma che completa l’opera e che sarà possibile ascoltare mediante la scansione di un codice QR.

I suoni della pietra, sia naturali che elaborati sono stati registrati nella cava di occhiadino da Alessandro Pedretti e Beppe Mondini.
Successivamente, la composizione ha previsto l’inserimento di un pianoforte verticale e la struttura è stata concepita con tecnica palindroma. Da metà brano in poi gli elementi che costituiscono la prima parte vengono riproposti in senso inverso, con lievi aggiustamenti armonici e ritmici per aumentarne la fruibilità musicale.

 

Alessandro Pedretti

Compositore, musicista e creativo, nasce nel 1986.

La curiosità per l’innovazione e la contaminazione artistica lo hanno contraddistinto e spinto a lavorare spesso in diversi ambiti.

È nella musica che trova maggior sfogo la sua creatività. Nei primi mesi del 2017 viene contattato dal Maestro Andrea Morricone che lo inserisce come arrangiatore ritmico nel suo nuovo team di lavorazione per brani dedicati al mercato americano.

Dal 2018 è Direttore Artistico de “ La memoria delle pietre”, progetto di valorizzazione delle cave della Valle Camonica insieme alla scultrice Milena Berta. Il progetto è sostenuto dalla Regione Lombardia, dalla Comunità Montana di Valle Camonica e da dieci Comuni della Valle Camonica. Il progetto prevede la realizzazione di opere site-specific permanenti in musica e marmo.

Dal 2018 inizia l’importante collaborazione con lo youtuber Lokman.

Dal 2017 si occupa di produzione musicale per il settore video con CLAP MUSIC insieme alla cantante e compositrice Claudia Ferretti.

Dal 2015, con Sdang!, progetto musicale condiviso con Nicola Panteghini, realizza ter dischi (il primo, “Il giorno delle altalene” è sold out) e più di cento concerti in soli due anni, raccogliendo consensi anche internazionali e proponendo musiche originali che “raccontano storie senza parlare”.

Collabora dal 2012 con Colin Edwin, bassista degli storici Porcupine Tree, nel progetto Endless Tapes, pubblicando due dischi (Endless Tapes Ep del 2013 e Brilliant Waves del 2016).

Nel 2011 viene invitato da Paolo Fresu con il gruppo “Screwdriveinn”al Time In Jazz Festival di Berchidda (Sardegna).

Dal 2009 al 2014 è stato batterista della band di Ettore Giuradei.

Musicista in studio e live con Ettore Giuradei, Charlie Cinelli, Alessandro Sipolo, Sique & Petrol, Scabb, Dellino Farmer, Selvaggi Band, D-Swoon, Boris Ramella, Corrado Saija, Alex Fornari, Giancarlo Onorato, Silvio Uboldi etc.etc.

In veste di compositore di colonne sonore per film, spot, documentari, lavora con AlbatrosFilm, Davide Franzoni, 5e6, Play Video Factory, SMK Videofactory, Milk Adv, Olo Creative Farm, Luca Archetti, Manuel Cecconello, Nicola Fornoni, Romina Rinaldi, Andrea Grasselli, Emanuele Coco, Alberto Dalla Valle.

Nel teatro lavora come polistrumentista con Belcan Teatro per lo spettacolo Lineamondo (vincitore del festival internazionale di Teatro ragazzi a Bucarest, Romania nel 2016) distribuito dal Teatro Telaio di Brescia.

Dal 2007 ad oggi, lavora per Pagine Gialle e Telecom Design realizzando centinaia di montaggi video promozionali e tutt’ora presenti sul web. Per Italceramica, Denim, Lycia, Cameo, Brimi, Banca popolare di Vicenza, Ab Group, Candy, Orticolario, Kymko, Sial, Enel Group realizza elementi multimediali, effetti sonori e musiche originali.

>>> Il suo portfolio

Giuseppe Mondini

Giuseppe “Beppe” Mondini (1981 Castel Goffredo) è un batterista che collabora con artisti di vari generi musicali, dai cantautori pop alla musica metal alla musica psichedelica e folk.

Attualmente suona con gli Ottone Pesante (2016-band di metal estremo composta da soli Ottoni e Batteria), i Gallus (con Luca Gallina) e Fabio Dondelli.

Ha studiato Batteria con Calcagnile, Abeni, Golino e Percussioni classiche al conservatorio di Mantova con Stefanuto.

Ha suonato in vari tour in Europa e partecipato a incisioni di brani originali.
Le sue prime band sono state gli Artdisorder (2000/06) e i LPETZ (2002/10),
e dal 2008 ha iniziato a collaborare con svariate realtà del panorama musicale; Giovanni Ferrario, Ettore Giuradei(2006/08), Cisco(ex MCR 2008/16), Gurubanana, Meteor, Nana Bang!, Elizabeth Lee, Nerocapra, Scisma(2015).

Ha inoltre inciso dischi con Nada(2013), Alessandra Contini (il Genio), Angela Kinczly, Giovanni Peli, Freaky Mermaids, Light Lead, e i Nerocapra.

Dal 2008 si dedica anche alla Didattica e attualmente collabora con alcune scuole della provincia di Brescia.

POETICA DELL’OPERA
“Frammenti di luna”

In tempi remoti, lassù nell’universo, hanno sgretolato la luna.
Dalla sua polvere adagiata sulla terra
hanno preso forma le montagne camune.
Passano gli anni e l’uomo inizia ad estrarre la pietra e con sé,
inconsciamente,
si prende anche i frammenti di luna.
Com’essi siano sopravvissuti,
così brillanti,
rimane un mistero

INAUGURAZIONE

Il ritrovo è previsto per le h 10.20 presso la piazza San Giacomo a Mazzunno​: dopo una breve camminata si raggiunge la zona dell’installazione artistica, dove in seguito ai saluti dell’Amministrazione Comunale avrà luogo il racconto dettagliato dell’opera e del progetto da parte di artisti ed enti coinvolti, con svelamento della scultura ed ascolto (eccezionalmente per l’occasione da cassa bluetooth) del brano musicale.

In concomitanza verranno esposti i disegni realizzati dai bambini di 4° e 5° elementare e 1° media di Angolo Terme in seguito alla visita in cava e ai laboratori tattili e sonori tenuti dagli artisti Milena Berta e Alessandro Pedretti.

Si precisa che la partecipazione all’evento è gratuita e in caso di maltempo l’inaugurazione verrà spostata a data da definirsi.

IL PROGETTO

LA MEMORIA DELLE PIETRE è ​un percorso di ricerca e valorizzazione artistica dei siti estrattivi e delle pietre della Valle Camonica​, il cui obiettivo è la restituzione al territorio camuno di un patrimonio inestimabile di cultura e lavoro artigianale. Il progetto, triennale, artistico e di ricerca, promosso dal ​Distretto Culturale della ​Comunità Montana di Valle Camonica​edaunadecinadi​Comuni​dellavalle,èsostenutodaR​ egioneLombardia​.

Maggiori informazioni sul progetto sono reperibili sul sito ​lamemoriadellepietre.it dove è inoltre possibile eseguire l’ascolto dei brani associati ad ogni scultura e consultare informazioni di carattere storico, geologico e antropologico.

La parte artistica di LA MEMORIA DELLE PIETRE è a cura di: ​Alessandro Pedretti (musicista, classe 1986, originario di Concesio, BS) e ​Milena Berta (scultrice, classe 1988, originaria di Vezza d’Oglio, BS).
Info: ​www.bertapedretti.com