Torna agli artisti selezionati

Chiara Trivelli 


►VISUALIZZA IL PORTFOLIO di Chiara Trivelli 
Sito web: http://flavors.me/tabia
CURRICULUM:
Chiara Trivelli è nata Terni, ha vissuto a Roma, Parigi e Berlino. Dal 2008 vive a Venezia. E’ laureata in Scienze umanistiche (alla Sapienza di Roma) e in Progettazione e produzione delle arti visive (allo Iuav di Venezia). A Parigi ha studiato alla Sorbona, nel 2001 ha lavorato per il Museo D’Orsay, e nel 2002 per la galleria Emmanuel Perrotin. A Berlino ha svolto una ricerca su Joseph Beuys e nel 2004 ha fondato la rivista Gedanken–strich. A Venezia ha rielaborato le esperienze passate nella ricerca di un percorso artistico autonomo. Ha partecipato a diverse mostre collettive, ricordiamo nel 2010 Visioni Lagunari (Isola di Sant’Erasmo, Venezia) Love song/Cancion de amor (Michoacán, Messico) In between/arada/tra (Istanbul, Turchia). Ha partecipato al programma Real Presence e al Teach me 5 nel 2008, al Loop Video Art Festival nel 2010 e all’Artists Open House di Brighton nel 2011. E’ in residenza alla Fondazione Bevilacqua la Masa con un progetto su "arte e territorio".

GALLERY


LA MIA RICERCA ARTISTICA:
Sto svolgendo un progetto di ricerca su Come si sviluppa il sistema dell’opera artistica nel territorio del nordest d’Italia, partendo dalle sue aree di marginalità. Il metodo di lavoro consiste nel trasformare un edificio in disuso dell’arco alpino in luogo di interesse per la ricerca artistica contemporanea. In questo contesto, ho cominciato a collaborare con la comunità di Pozzale, antico centro del Cadore, per un’arte diretta alla memoria dell’ambiente.In passato ho realizzato progetti insieme agli abitanti di S. Pietro di Castello e alla comunità curda di Venezia.Sono interessata alla rielaborazione di tecniche in disuso,rimosse,all’intelligenza di un saper fare marginale.I miei interventi (rebus,sistemi di raccolta dell’acqua,di copertura,propulsore aerospaziale del 1972, ecc.) si collocano in aree interessate da fenomeni quali lo spopolamento,l’invecchiamento della popolazione,l’isolamento,intendendo l’ambiente,fisico e sociale,come fonte di risorse laddove queste sono inattese.

Torna agli artisti selezionati